Professor Carmelo Bosco, 1943-2003

Il 23 novembre 2003, abbiamo perso un eccezionale amico, scienziato e collega nel nostro campo dell’ Esercizio e Scienza dello sport. Il professor Carmelo. Bosco è morto in Italia dopo una lunga battaglia contro il cancro. Le sue realizzazioni potrebbero riempire un volume di Riviste, con oltre 200 pubblicazioni e 8 libri. Le sue innovazioni nell’attrezzatura di test da campo hanno consentito ai praticanti per capire meglio questo aspetto importante della prestazione umana. La sua ricerca sul ciclo stretch-shortening, metodologia di formazione, Esercizi contro resistenza (RT), e infine le Vibrazioni hanno fornito punti di riferimento per gli altri a portare avanti la sua eredità. Il suo nome è ben noto grazie test di salto Bosco, l’Ergojump, il MuscleLab e il suo apparato per la vibrazione del corpo. E’ stato l’iniziatore e il capo direttore del Coaching e Sport Science Journal. Scienziati della Fisiologia degli esercizi e la Biomeccanica lo conoscono grazie alle sue monografie e numerosi articoli. Durante gli ultimi 10 anni la sua attenzione s’è focalizzata sul significato endogeno del Testosterone in esercizi di potenza. Sfortunatamente, non era abbastanza fornito per stabilire il Meccanismo di azione a breve termine del testosterone sulle prestazioni. Avendo avuto l’opportunità di incontrarlo e interagire con lui diverse volte nel corso degli anni tutti dedicati a questi studi mancherà, uno scienziato nel nostro campo tra i più prolifici ed entusiasti che conosca. Il suo senso dell’umorismo e del divertimento è la cosa che mi mancherà di più. Come mi ha detto a Jest una volta, ” gli americani si concentrano troppo sul lavoro come noi italiani ci concentriamo sul piacere. ” Con la lingua in guancia, questo suo sentimento ha smentito come duro il prolifico lavoro e gli sforzi dedicati che ha impegnato come scienziato nel corso degli anni. Il suo lavoro s’è spostato dalla Biomeccanica alla Fisiologia della Forza e la Fonte dell’energia muscolare. I suoi recenti sforzi di ricerca erano correlati a cercare il link e capire il ruolo del Testosterone nel vigore e nella produzione di energia. Ho apprezzato le nostre numerose interazioni su questo argomento di ricerca. Sarà perso come collega legato da lunghi interessi comuni e i suoi contributi scientifici rimarranno nei suoi ex studenti e colleghi che hanno lavorato con lui. Il suo interesse più recente è stato per l’elettromiografia, fatica e profili ormonali in atleti che si esibiscono (Bodybuilder). I suoi studi sulla forza hanno generato nuove ipotesi nel nostro campo. È importante rilevare che la presenza di tali colleghi con i quali condividiamo l’interesse per la scienza dell’Esercizio e la Scienza dello Sport ci ricorda l’importanza della collegialità, amicizia e partnership. Apprezziamo come un vantaggio a “essere generoso con i colleghi ” che dovrebbe aiutarci a liberarci di “aspetti piccoli” che vediamo troppo spesso nella letteratura. Il tempo passa troppo velocemente e la sua perdita influenzerà non solo sulla sua famiglia e amici intimi ma anche nelle molte persone che hanno beneficiato del suo insegnamento, lavoro nel nostro campo. Continuiamo a dare alla sua famiglia i nostri pensieri gentili per la scomparsa del nostro collega. In suo onore, i suoi Colleghi e buoni amici i Professori Atko Viru e Mehis Viru hanno scritto e dedicato questo articolo al suo lavoro e alla sua memoria. Lo sostengo in onore dell’eredità del Dr. Bosco. Il seguente articolo discute le prospettive per ulteriori ricerche sul contributo di testosterone in prestazioni acute.

William J. Kraemer, PhD, CSCS Editor in Capo

Esegui l'accesso per Commentare

Related Post

Quello che pensava il Prof. Carmelo Bosco. “Voi dovete sapere che la medicina, la scienza medica è una scienza nata dallo studio della patologia e non dell’uomo sano. La salute è stata definita dalla medicina semplicemente attraverso la rimozione della malattia. Ma noi che conosciamo l’uomo sano, che studiamo come migliorare le prestazioni, che sappiamo quello che serve, non semplicemente per togliere la malattia, ma per preservare un equilibrio di benessere, ebbene noi abbiamo un grande dovere di adattare queste conoscenze e di metterle a disposizione di tutti e non solo degli atleti. E noi sappiamo che non basta dire vai a correre, solleva dei pesi, fai questo esercizio. Occorrono risposte chiare, serie. Perché per una terapia si va dal medico e per l’esercizio ci si fida di chiunque? Di guru improvvisati, di uomini d’affari mascherati da esperti. È il corpo delle persone in gioco, per non parlare del benessere psicofisico. Ecco perché solo una minoranza delle persone fa esercizio regolarmente. Non si convince la gente se non con la serietà e per questo motivo io credo che la scienza dello sport può avere un grande ruolo. Noi siamo coloro che hanno il bagaglio di conoscenze per poter dare risposte giuste non solo a chi dello sport ne fa una professione ma soprattutto a chi vuole usare l’esercizio per stare bene. In un mondo che invecchia queste competenze possono diventare fondamentali per garantire benessere, indipendenza e qualità della vita a milioni di persone”. Prof. Carmelo Bosco nel 2002 in un discorso ai suoi studenti di Scienze Motorie all’Università di Tor Vergata.Quello che pensava il Prof. Carmelo Bosco. “Voi dovete sapere che la medicina, la scienza medica è una scienza nata dallo studio della patologia e non dell’uomo sano. La salute è stata definita dalla medicina semplicemente attraverso la rimozione della malattia. Ma noi che conosciamo l’uomo sano, che studiamo come migliorare le prestazioni, che sappiamo quello che serve, non semplicemente per togliere la malattia, ma per preservare un equilibrio di benessere, ebbene noi abbiamo un grande dovere di adattare queste conoscenze e di metterle a disposizione di tutti e non solo degli atleti. E noi sappiamo che non basta dire vai a correre, solleva dei pesi, fai questo esercizio. Occorrono risposte chiare, serie. Perché per una terapia si va dal medico e per l’esercizio ci si fida di chiunque? Di guru improvvisati, di uomini d’affari mascherati da esperti. È il corpo delle persone in gioco, per non parlare del benessere psicofisico. Ecco perché solo una minoranza delle persone fa esercizio regolarmente. Non si convince la gente se non con la serietà e per questo motivo io credo che la scienza dello sport può avere un grande ruolo. Noi siamo coloro che hanno il bagaglio di conoscenze per poter dare risposte giuste non solo a chi dello sport ne fa una professione ma soprattutto a chi vuole usare l’esercizio per stare bene. In un mondo che invecchia queste competenze possono diventare fondamentali per garantire benessere, indipendenza e qualità della vita a milioni di persone”. Prof. Carmelo Bosco nel 2002 in un discorso ai suoi studenti di Scienze Motorie all’Università di Tor Vergata.