Ancora sicurezza nell’esercizio: back

(Come Filippo attende la fine della quarantena)

Ancora sulla neutralità della Spina.

Di seguito sono riportati tre test “grossolani” che possono aiutare un Formatore  a valutare la capacità del cliente di trattenere una colonna lombare neutra nella flessione dell’anca (come nel movimento di piegarsi in avanti o eseguire uno squat).

1. Guardare i tendini dell’Erettore della spina.

Il primo di questi test osservativi è guardare la  articolazione del cliente dell’anca e guardare i tendini dell’Estensore paraspinale o se hanno abbondante strato di grasso poggiare le dita sui tendini e sentirli irrigidirsi mentre l’Erettore spinale si contrae. La grande Erettore paraspinale inizia intorno alla colonna vertebrale media del torace e il ventre muscolare finisce tra L2 / L3 (vedi immagine sopra). I tendini corrispondenti passano quindi lungo la metà della colonna lombare inferiore e si inseriscono nel sacro. Quindi, quando i muscoli sono contratti, vedrai i tendini sporgersi o li sentirai. Se il cliente perde la neutralità della colonna vertebrale, questi muscoli paraspinali diventano silenziosi e i tendini perdono la loro rigidità quando i muscoli hanno smesso di contrarsi. Possiamo valutare col tatto a che punto della articolazione dell’anca il cliente perde la tensione dei muscoli quindi dei tendini.

2. Il test di pizzicamento della pelle.

2. Il test di pizzicamento della pelle.

Usando il pollice e l’indice afferrare la pelle che copre la colonna lombare inferiore appena sopra l’osso sacro. Mentre il soggetto si piega in avanti sull’articolazione dell’anca, se il bacino limita l’ inclinazione, la pelle verrà tirata verso il basso dal bacino che retroverte rispetto la spina. Si sentirà la  pelle che inizia a staccarsi dalle dita. Questo test dipende fortemente non solo dalla composizione corporea (il tessuto adiposo rende difficile afferrare la pelle) ma anche dal tipo di pelle.

3. L’arco e il manico di scopa.

Usando un manico di scopa, allinearlo in modo che tocchi la parte posteriore della testa, il T6 (sesta toracica) e l’osso sacro. Questo rappresenta un segno della colonna vertebrale neutra del soggetto. Come cardine nella flessione  dell’anca del soggetto l’obiettivo è quello di mantenere i tre punti a contatto del bastone senza eccessiva flessione della colonna lombare (il manico di scopa si solleverà dal sacro) o qualsiasi estensione mediana toracica compensativa (la colonna vertebrale si sposterà in avanti e perderà il punto di contatto T6) durante la flessione dell’anca . Questo test può essere eseguito utilizzando un movimento della cerniera dell’anca o  può anche essere valutato durante il movimento dello squat.

1 thought on “Ancora sicurezza nell’esercizio: back”

  1. Vito ha detto:

    da provare !

Esegui l'accesso per Commentare

Related Post